“Ritmi e tempi diversi”: in società ci si piglia sempre meno

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E’ evidente come oggi all’interno della dirigenza del Milan si suonino spartiti diversi. “Questione di ritmi e tempi diversi”, aveva non a caso dichiarato Zvone Boban al Financial Times. Ora qualche nodo sembra esser venuto al pettine, come testimoniato dall’intervista di Paolo Maldini a Sky che ha suscitato non poco clamore. Di fatto, il direttore tecnico ha fatto emergere quanto si sapeva: nel Milan ci sono mondi che si comprendono poco.

Alle parole di Maldini non è seguita alcuna replica da parte della proprietà. Elliott mantiene il silenzio, forse domani arriverà qualche parola dall’amministratore delegato Ivan Gazidis nel corso dell’Assemblea dei Soci, dove i piccoli azionisti proveranno ad incalzarlo. Gennaio si avvicina e sul mercato non ci saranno a disposizione più fondi di quelli messi a disposizione la scorsa estate. Servirebbe qualche giocatore d’esperienza (il sogno Ibra), ma Maldini e Boban dovrebbero convincere la proprietà che, invece, sposa in toto la linea dei giovani: “L’idea di ringiovanire la squadra è condivisa, come è condivisa quella che nessuna squadra giovane ha vinto campionato o Champions”.

Un nemico comune a tutti (Elliott, Maldini e Boban) è il Fair Play Finanziario. Elliott non si schiererà mai contro l’Uefa e, finchè ci sono questi paletti, il fondo di Singer non potrebbe ricapitalizzare senza regole. A meno che non si voglia rimanere fuori dall’Europa per altre stagioni, com’è avvenuto quest’anno con la rinuncia alla partecipazione all’Europa League. L’impresa è ardua, visto che in questo quadro ci sono ricavi commerciali in diminuzione e un costo del lavoro in aumento. Qualcosa dovrà succedere.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook