Tuono Maldini, Paquetà alla ricerca di continuità. E Pioli…

Giornata di vigilia in casa Milan: domani si gioca contro la Roma di Fonseca, sfida numero nove per la squadra di Pioli. Nella giornata di ieri, Paolo Maldini è intervenuto ai microfoni di Sky Sport ed ha avvisato Elliott: “Non aspetto anni per vincere“, ha detto il dirigente rossonero. Non si è fatta attendere anche la stoccata all’ex presidente del Milan, Silvio Berlusconi definito “Inelegante“, ha detto. Un tuono ma anche un fulmine a ciel (quasi) sereno, in un momento di incertezze e di domande in un ambiente che cerca la continuità, con una certa fretta di tornare a vincere, anche cavalcando scenari di livello e di spessore.

CONTINUITÀ – Anche in campo, vale la stessa regola: il Milan necessità di continuità e risultati. Uno tra questi, l’esempio più lampante, è quello di Lucas Paquetà che non è ancora riuscito a mettere in mostra le sue doti e le sue qualità che la passata stagione lo avevano consacrato pedina di eccellente qualità nello scacchiere dell’ex Gattuso. Un inizio con il freno a mano tirato, un feeling mai davvero ritrovato con Giampaolo e ora la grande chance di svoltare e tornare ad accendere il gioco del Milan. La posizione resta il dilemma da risolvere, in attesa della definitiva composizione del modulo e dei volti della squadra di mister Pioli.

LEGGI ANCHE:  Futuro Kessiè: il top club ha una strategia!

PIOLI – Esordio amaro per mister Pioli sulla panchina del Milan: il tecnico ha infatti raccolto il pareggio casalingo contro il Lecce, maturato in pieno recupero. Domani, contro la Roma, la seconda chance per ritrovare una vittoria essenziale per la classifica, l’umore e lo spirito di gruppo dei suoi rossoneri. Le basi sono quelle ereditate dal lavoro di mister Giampaolo, ma il passo sembra essere un altro: Pioli sta scrivendo la sua storia al Milan, con la giusta fretta di tornare sui passi che portano alla Champions League, obiettivo dichiarato sin dal primo momento.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy