Milan, regalo più bello per i 120 anni non poteva esserci

Milan, regalo più bello per i 120 anni non poteva esserci


Regalo più bello per i 120 anni non poteva esserci. In una settimana in cui, ci permettiamo di dire, ci sembra ci sia stato fin troppo spazio per le celebrazioni, finisce che prima strappi uno 0-0 al Sassuolo dove non riesci a metterla in rete nemmeno sotto tortura e poi conferma la “verve” a Bergamo non solo ripetendo lo stesso score offensivo ma condendolo con 5 palloni al passivo ed una prova sportivamente tragica. Inutile continuare a girarci intorno: questa squadra non ha basi, non ha forma, non ha voglia, non capisce e non ha mai capito il senso che ha questa maglia per centinaia di milioni di tifosi nel mondo. Non c’è presente e non c’è futuro, non c’è testa e non c’è gamba. Ogni tanto ci si illude, ingigantendo prove che sono sempre – al massimo – appena sufficienti.

Però c’è tanta voglia da parte di giovani rampanti di discutere di rinnovi di contratti monstre, da parte della società di parlare di stadi e di tour con le glorie che furono, da parte dei dirigenti di arrivare quasi a farsi bullare da un indubbio campione del calibro di Ibrahimovic che, però, a 38 anni suonati non può pensare di tenere sotto scacco un club come il Milan. E se il Milan fosse, invece, sotto scacco proprio di chi lo gestisce? Molta arte sulla carta, poca parte nella quotidianità. Tante parole e tanti proseliti, pochissimi fatti e tantissimi errori. Una stagione completamente buttata via dopo che, già si diceva, meglio dell’era Gattuso-Leonardo si doveva necessariamente fare. Ed eccoci qua a leccarci ancora le ferite, inabissati come non mai. O forse solo come le stagioni di Inzaghi e della staffetta Mihajlovic-Brocchi. Pazzesco. Tristemente pazzesco.

E ora che si fa? Questo 5-0, a memoria, non si registrava da oltre vent’anni in una trasferta romana. Oggi si ripete con l’Atalanta, la squadra dell’anno, quella che ha sottratto con merito la Champions a maggio scorso e che continuerà ad essere la lombarda europea anche nel 2020. Con un sistema sportivo sostenibile ed individiabile, con cifre che anche Elliott probabilmente sarebbe disposto a spendere. E invece sei qui, con tanti sopravvalutati, con giocatori che si credono arrivati e che non hanno capito niente di come giri la storia. Non hanno capito che nessuno li ricorderà in futuro. Non hanno capito che stanno profanando un bene comune. Eh, sì: regalo più bello per i 120 anni non poteva esserci. 

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Coordinatore editoriale "SpazioMilan.it": Luca Forte

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy