Sei qui: Home » News » Corini in conferenza stampa: “Il Milan è una squadra forte e aggressiva, ci aspetta una gara difficile”

Corini in conferenza stampa: “Il Milan è una squadra forte e aggressiva, ci aspetta una gara difficile”

L’allenatore del Brescia, Eugenio Corini, è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara di domani contro il Milan: “I rossoneri sono una squadra molto aggressiva, quando arrivano sugli esterni, spingono molto. Hernandez è un gran finalizzatore, hanno interpreti di valore. Ibrahimovic è un giocatore di alto livello, può anche essere incontenibile. A prescindere da lui, dovremo considerare anche ciò che crea intorno a sé. Affronteremo una squadra in salute e molto aggressiva, con interpreti di valore”.

Sulla partita contro il Cagliari: “Abbiamo dimostrato la giusta cattiveria anche se non siamo riusciti a vincere. Ho inserito due centrocampisti perché sapevo che mi avrebbero garantito solo un’ora di gioco. Hanno portato tanta personalità. La squadra stava facendo un’ottima partita, purtroppo, non siamo riusciti a gestirla. Andiamo avanti per la nostra strada per cercare di ottenere un buon risultato”.

Sulle decisioni arbitrali: “Noi dobbiamo capire quali interpretazioni dà l’arbitro, quello che ci deve interessare è capire come il direttore di gara gestirà la partita”.

Sulla difesa a tre: “Anche nel mio primo percorso siamo partiti con il 3-5-2, è una soluzione tattica importante. Con qualche centrocampista in più potrei alzare la qualità, dipenderà dalla mia lettura della partita”.

Su Torregrossa: “Già a Genova aveva i parametri giusti. Il ragazzo era un po’ giù di morale, l’ho sempre invitato a spingere. Ha fatto una partita importante, ci ha dato i tempi giusti. Ernesto è un giocatore che ha maturato l’idea di essere in Serie A”.

Su Dessena: “Abbiamo ritrovato un giocatore importante sotto ogni punto di vista”.

Sul mercato: “Io e il presidente abbiamo idee chiare, vogliamo
prendere giocatori che possano migliorare la rosa”.

Sulla formazione: “Domani mattina proverò le palle inattive, poi sceglierò gli undici da mandare in campo”.