Da Sacchi a Sheva, passando per Gullit e Capello: Ibrahimovic deve sfatare anche il "tabù ritorni"

Da Sacchi a Sheva, passando per Gullit e Capello: Ibrahimovic deve sfatare anche il “tabù ritorni”


Il ritorno di Zlatan Ibrahimovic ha dato grande entusiasmo a tutto l’ambiente milanista, ma il gigante svedese dovrà certamente sfatare un tabù che attanaglia la compagine rossonera: quello dei ritorni di fiamma, che finora si sono dimostrati decisamente poco felici.

Come evidenzia, infatti, l’edizione questa mattina in edicola de La Gazzetta dello Sport, la seconda esperienza con la maglia del Diavolo andò male a fenomeno del calibro di Ruud Gullit e Andriy Shevchenko, mentre andò meglio a Ricky Kakà, che nella stagione ’13/’14 andò a segno nove volte in 37 match tra campionato e Champions.

Il “tabù-ritorni” colpì anche gli allenatori: in primis Arrigo Sacchi, che nella sua prima esperienza allenò la squadra più forte di tutti i tempi, ma nel 1996 – chiamato a subentrare a Tabarez – fu eliminato dalla Coppa dei Campioni per mano del Rosemborg e finì il campionato all’undicesimo posto. Male anche Capello, che nella seconda esperienza rossonera finì decimo in Serie A e perse la finale di Coppa Italia per mano della Lazio.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Coordinatore editoriale "SpazioMilan.it": Luca Forte

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy