La crisi spaventosa dell'attacco rossonero

La crisi spaventosa dell’attacco rossonero

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Un avvio, che tanto avvio non è considerando che siamo a metà stagione, cosi triste non lo si registrava da troppo, troppo tempo. L’annata del Milan è cominciata nel peggiore dei modi, poche vittorie, incapacità di trovare un senso positivo e di continuità del gioco. E questo trend, termine di solito utilizzato per descrivere brevi periodi, sembra non voler finire più. Uno dei dati più significativi, è caratterizzato dai numeri dell’attacco del Milan, che sono davvero preoccupanti: i rossoneri non segnano infatti da tre partite di fila ma soprattutto, hanno il 17° reparto offensivo del campionato (solo Spal, Udinese e proprio Sampdoria hanno fatto peggio). 

L’arrivo di Ibra ovviamente non può risolvere ogni tipo di problema. Piatek è sprofondato in una crisi impensabile e impronosticabile. Leao, per quanto possa avere sprazzi di talento, non è sufficientemente maturo per caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco. Gli esterni offensivi che segnano col contagocce, 2 gol Calhanoglu, 1 Suso, a secco Castillejo, Rebic e Borini, peraltro impiegati decisamente poco. Lo sprofondo del Milan in zona gol in pratica passa tutto da qui, e il banalissimo dato delle reti realizzate lo certifica: 16 in 18 partite. Basti pensare che a quota 4 c’è Theo Hernandez. Numeri da crisi depressiva, numeri che non hanno senso, numeri che devono necessariamente cambiare, perché adesso fanno davvero tanta paura.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy