Pioli a MTV: "Dovevamo fare meglio e non ci siamo riusciti, per questo dobbiamo cercare di ripartire meglio di quanto fatto oggi"

Pioli a MTV: “Dovevamo fare meglio e non ci siamo riusciti, per questo dobbiamo cercare di ripartire meglio di quanto fatto oggi”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo la sconfitta con il Genoa, Pioli è intervenuto ai microfoni di Milan TV, ecco le sue dichiarazioni: “Non dovevamo cominciare la partita con un atteggiamento così leggero. Non era quello che avevamo preparato in settimana. Non ci sono giustificazioni anche se la situazione era strana, giocare senza tifosi ma questo valeva anche per i nostri avversari. E’ un peccato, mi aspettavo una prestazione diversa dalla squadra dato che avevo avuto segnali diversi in settimana. E’ un peccato non aver sfruttato questa occasione perchè sarebbe potuto diventare un’opportunità sia per mostrare la nostra professionalità sia per migliorare la nostra classifica“.

Sui gol subiti: “La colpa non è mai di un singolo giocatore quando si prendono questi gol. Gli errori sono stati molteplici, abbiamo mancato di applicazione e concentrazione e questo l’abbiamo pagato a caro prezzo“.

Sulle vicende che hanno interessato questa giornata di Serie A: “Questo valeva anche per i nostri avversari. Dovevamo fare meglio e non ci siamo riusciti, per questo dobbiamo cercare di ripartire meglio di quanto fatto oggi“.

Sullo sciopero proposto dall’AIC: “Quello che ci tengo a dire è che non si può costantemente vivere nell’incertezza se si gioca oppure no. Chi di dovere prende le decisioni ma così diventa difficile, questo non toglie che dovevamo fare meglio ma bisogna prendere le decisioni in maniera chiara. Noi le responsabilità le prendiamo ma chi è sopra di noi prenda le decisioni in modo chiaro e si prenda le sue responsabilità“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy