GdS - Amazon porterà la Champions in Italia dal 2021

GdS – Amazon porterà la Champions in Italia dal 2021

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La rivoluzione è ormai cominciata: Amazon trasmetterà la Champions League in Italia. La multinazionale americana ha acquisito i diritti per trasmettere la Champions League dal 2021 al 2024 per un totale di 240 milioni di Euro investiti. Questo accordo è rivoluzionario soprattutto in Italia, dove il colosso di Seattle non aveva ancora investito sullo sport. Amazon, infatti, non è nuova a questo tipo di accordi: in America si è già accaparrata i diritti del Football Americano e del Tennis, ignorando il baseball (proprietà di Facebook).

Il suo sbarco in Europa risale all’anno scorso, quando ha acquistato i diritti per trasmettere la Bundesliga e 20 partite di Premier League (tra cui l’intero boxing day, spendendo in totale 90 milioni di sterline). Sempre in Inghilterra, Amazon Prime si è presa i diritti del tennis anglosassone, facendogli compagnia con la Roland Garros francese, in onda dal 2021. Questo investimento pesante fa sperare anche nella cessione ad Amazon dei diritti della Serie A, per ora solo un’utopia. Tuttavia, non è da escludere che, nella prossima asta, Amazon provi a fare uno sgambetto a Sky (che costerebbe parecchi clienti al gruppo britannico).

Salvo modifiche, l’abbonamento ad Amazon Prime resterà fisso a 36 Euro annui, o 3.99 Euro mensili, e garantisce l’accesso ad Amazon Prime video, oltre che alla Champions League, da qualsiasi dispositivo dotato di connessione a Internet. Ciò che è certo, è che per Amazon lo sport sta diventando una priorità, e questo non può che essere positivo per lo sport italiano.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy