Mirabelli: “Non avrei rinnovato il contratto a Ibrahimović. Donnarumma? Vi dico tutto”

April 18, 2018 - Turin, Italy - Massimiliano Mirabelli, manager of AC Milan, during the Serie A football match between Torino FC and AC Milan at Olympic Grande Torino Stadium on April 18, 2018 in Turin, Italy. .Final result: 1-1 Torino FC v AC Milan - Serie A PUBLICATIONxINxGERxSUIxAUTxONLY - ZUMAn230 20180418_zaa_n230_972 Copyright: xMassimilianoxFerrarox
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Massimiliano Mirabelli, ex direttore sportivo rossonero, ha concesso una lunga intervista a TMW Radio, in cui ha trattato diversi argomenti: da Ibrahimović a Donnarumma, passando per la qualificazione Champions.

Ecco le sue parole:

PASSO FALSO MILAN – “Nessuno se l’aspettava. Bisogna ricordare che non è mai successo che chi era campione d’inverno poi è arrivato quinto in classifica. Spero non succeda, ma il Milan ha avuto un po’ di ansia da prestazione. Se mai dovesse succedere che non vada in Champions, sarebbe qualcosa di incredibilmente negativo. Quest’anno il Milan meriterebbe davvero di andare, ha espresso grande calcio, ma ha preso troppi punti in casa”.

VOLATA QUALIFICAZIONE –  “La Juventus non credo che si farà scappare l’occasione a Bologna, non credo però che il Milan potrà fare risultato a Bergamo, visto che l’Atalanta punta anche al secondo posto”.

IBRAHIMOVIÇ – “Non si discute il campione, ma è fisiologico che cali, l’età è un fattore importante. Io non lo avrei rinnovato. Quest’anno ha giocato poche partite, poi dai un segnale particolare al gruppo. E’ normale che poi fai fatica a rinnovare altri a certe cifre”.

DONNARUMMA – “Mi sembra strano vedere un giocatore così importante che ancora non abbia fatto nulla, sia col Milan che con un altro club. Noi facemmo qualcosa d’importante rinnovandolo. Sarà una strategia quella di attendere ma non riesco a capirla. Anche dovesse rinnovare, sarebbe un bagno di sangue perché ora tu società sei con le spalle al muro e le condizioni saranno tutte dalla parte del giocatore. L’argomento rinnovo andava affrontato due anni fa. Ora rischi di perderlo, invece prima potevi monetizzare”.