Ibrahimovic non si nasconde: l’ha detto su Donnarumma!

Zlatan Ibrahimovic ha concesso alcune dichiarazioni al giornale francese Equipe, ripercorrendo quella che è stata la sua esperienza in Ligue 1 e soffermandosi anche sulla realtà che sta vivendo in questo momento Gigio Donnarumma, ex portiere del Milan e attuale portiere del PSG.

Donnarumma

L’attaccante svedese non si è nascosto. Per il portiere italiano ha speso parole bellissime e confortanti. Queste le sue dichiarazioni: “Sono abituato ad avere un portiere che è il numero 1 e che è sempre lo stesso. E su Donnarumma non c’è da discutere: è il più forte del mondo, e basta. Ho giocato con lui, so di cosa parlo“.

Ibrahimovic ha poi continuato parlando della sua esperienza al PSG: “Ho lavorato tutti i giorni e sono fiero di quello che ho fatto. Ogni giorno, il club diventa sempre più grande e posso dire che anche io ho dato la mia parte, portando ciò che avevo imparato alla Juventus e al Milan. Non mi sono adattato io al PSG, è stato l’inverso. Il club quando mi prese voleva raggiungere il livello più alto, ma c’era tanto su cui lavorare. Sono orgoglioso di dire a me stesso che ero lì all’inizio, vedendo dove sono arrivati oggi

LEGGI ANCHE:  "Scudetto meritato e adesso il Milan può fare una cosa!": parola di un ex rossonero

Il fuoriclasse del Milan ha anche confessato di aver sentito Mbappe nell’ultimo periodo. Il giovane attaccante avrebbe chiesto proprio a lui come muoversi per il futuro. Questa è stata la risposta dello svedese: “Dipende cosa vuole e cosa pensa. Io al Real Madrid ci sarei andato, ma se fossi un dirigente del PSG cercherei di trattenerlo. Solo lui deciderà. Mbappé me lo ha chiesto e io gli ho detto: ‘Al tuo posto andrei al Real’. Ho giocato in diversi paesi ed è così che sono cresciuto. Se resti sempre nel giardino di casa è più facile. Se vai in quelli degli altri è un’avventura.

Ibra ha infine concluso parlando delle aspettative sul suo imminente futuro, ironizzando con il giornalista sulla sua età: Normalmente, a 40 anni sei a casa tua, ti accendi un sigaro e ripensi con soddisfazione alla carriera che hai fatto. Ma io non sono ancora pronto per fumarmi il sigaro.

Filippo Fagiolini