Sei qui: Home » News » Costacurta: “Al Milan non sono deficienti, succederà con Maldini”

Costacurta: “Al Milan non sono deficienti, succederà con Maldini”

Alessandro Costacurta, ex difensore del Milan è stato intervistato da Tuttomercatoweb.com a Forte dei Marmi, in occasione dell’evento “Io aiuto il Meyer”. Il noto opinionista, ha toccato diversi temi, fra cui il rinnovo di Paolo Maldini.

Sul rinnovo di Maldini: “Spero di portargli in regalo la firma per il prossimo contratto. Non riesco a immaginare un Milan senza Paolo Maldini, non credo che gli altri siano dei deficienti e quindi immagino che appena si potrà Maldini firmerà. Non mi pongo neanche il problema. Un cambio radicale di strategia sarebbe dannoso. A me sembra che tutto stia andando benissimo. Il budget limitato porta ad avere molte idee, non me ne preoccuperei molto“.

Su Origi: “Non sono mai stato innamorato di lui, ma è un giocatore meraviglioso. Come Giroud, potrà dare una mano. Non sono calciatori straordinari, ma ad averne di giocatori così, come il Giroud dell’anno scorso“.

Su Asensio: “È un ottimo calciatore, ha tanta qualità. Ma siamo qui a fare tanti nomi quando ce ne sono tanti che possono fare al caso“.

Maldini Milan Rinnovo

Su Lukaku e lo Scudetto: “Credo che l’Inter fosse la favorita anche l’anno scorso. L’Inter era la più forte l’anno scorso e con Lukaku si allunga il gap con le altre“.

LEGGI ANCHE:  Kjaer carico: "Ora voglio solo giocare", poi la frecciata a Juventus ed Inter

Sulla Juventus: “Molto dipenderà dal recupero di Chiesa, uno dei migliori calciatori d’Europa. Se recupera bene la Juve lotterà con l’Inter. Questo sarà il colpo, quello che più di tutti può spostare gli equilibri. Più di Pogba“.

Sulla Fiorentina: “Stiamo parlando di una squadra che lo scorso anno è stata la sorpresa del campionato, vista anche la perdita di un centravanti fantastico come Vlahovic. Ha un allenatore che è una garanzia. Jovic è un ottimo giocatore, ha dimostrato di esserlo ma da qualche anno si vede poco. Quando non ti fai vedere per un paio di anni poi ci vuole un pochino“.

Vittorio Assenza

.