Sei qui: Home » News » Serie A, novità assoluta per gli arbitri: succederà dalla prossima stagione

Serie A, novità assoluta per gli arbitri: succederà dalla prossima stagione

La notizia ha dell’incredibile. Come riportato da Il Giornale, la prossima stagione ci sarà una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda gli arbitri di Serie A: i direttori di gara, infatti, andranno in televisione per spiegare le loro decisioni.

Una novità assoluta, attesa da anni da tutti i tifosi che spesso vorrebbero capire le motivazioni dietro certe decisioni arbitrali. Specialmente quelle più discusse e controverse.

Serie A Arbitri Tv
Serie A Arbitri Tv

Gli arbitri potranno rilasciare dichiarazioni a fine partita. Il microfono scelto è quello dello storico programma 90° Minuto, in onda su Rai 2. E non solo. A quanto risulta, la Rai avrà anche la possibilità di inserire le proprie camere in sala Var, per riascoltare a fine gara quello che è avvenuto durante il match.

Questa svolta è stata fortemente voluta proprio da Alessandro Antinelli, curatore del programma Rai. Secondo il giornalista, dar voce agli arbitri servirà a rendere tutto più trasparente. Un grande balzo in avanti per il calcio italiano, un cambiamento necessario nell’era dei social media. L’obiettivo, si spera, è quello di placare una volta per tutte le continue polemiche sulle direzioni arbitrali durante il Campionato.

LEGGI ANCHE:  Mbappe esalta Giroud: l’ha detto dopo il gol in Francia-Austria!

AGGIORNAMENTO 20.40

Con una nota ufficiale all’ANSA, l’AIA ha smentito le voci circolate stamattina: “In merito alla notizia riportata da alcuni organi di informazione di un accordo per la prossima stagione sportiva con la Rai per alcuni interventi di rappresentanti della classe arbitrale durante la trasmissione “Novantesimo Minuto”, l’AIA ha ricevuto molte e interessanti proposte da varie realtà giornalistiche, siamo felici di tutte queste attenzioni ma non abbiamo raggiunto nessun tipo di accordo e valuteremo con tutta la cautela che impone il nostro ruolo se farle o meno nostre. Tutto questo restando forte la volontà, in accordo con la Federcalcio, di comunicare sempre meglio le regole che accompagnano l’operato dei nostri arbitri“.

Thomas Raiteri