L’anno scorso, nel segno di Ibra-Binho: poker da rinascita, poker per inseguire

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Catania's coach Vincenzo Montella waitsDomenica sera, il posticipo della 34esima giornata di Serie A, offrirà la sfida di San Siro fra Milan e Catania. I rossoneri dovranno cercare i tre punti se vogliono continuare a sperare nel terzo posto valido per la qualificazione in Champions League. Una posizione in classifica che è pericolosamente messa a repentaglio dalla Fiorentina di Vincenzo Montella. Proprio l’ex bomber della Roma era sulla panchina degli etnei nell’ultima gara a Milano fra le due compagini. Una partita che, ad inizio novembre 2011, finì con un netto 4-0 per il Diavolo.

Un Milan che stravince e convince, continuando la rincora alla vetta della classifica ancora proprietà della Juventus. I rossoneri battono molto agevolmente il Catania e si portano a casa la quinta vittoria consecutiva in campionato. La gara dura 24 minuti, il tempo per i rossoneri di passare con Ibrahimovic su rigore (7′) e trovare il raddoppio con Robinho. Nella ripresa autorete di Lodi (72′) e firma di Zambrotta (75′). Una gara che sembra consegnare la giusta dimensione alla compagine rossonera.

Pochi minuti e i ragazzi di Allegri già comandano la sfida. Quando il Milan è così in forma è difficilissimo da arginare e dimostra di essere quella armata incredibile che in casa non lascia scampo all’avversario. Ibra poi è il fattore in più che spacca in due gli avversari. Si prende la scena anche in serate in cui non ce ne sarebbe bisogno. Poi una dedica a Cassano da poco operato al cuore che è nella mente di Zlatan e che manca a tutti i ragazzi nonostante il 4-0 finale.