Pato Corinthians - L'ex rossonero regala la vittoria dal dischetto

Pato, gol di rigore al 90′ ed esultanza polemica

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

PATOContinua a far parlare di sé Alexandre Pato, che da quando è tornato in Brasile è sempre al centro dell’attenzione mediatica. La sua avventura con il Corinthians non è stata tutta rose e fiori, anzi, i tifosi del Timao lo hanno accusato di scarsa professionalità, lo hanno fischiato fino a chiederne la cessione dopo il rigore fallito in maniera goffa contro il Gremio di Dida che ha eliminato la squadra dalla Copa de Brasil.

A gennaio la cessione sembra vicina, Arsenal (leggi qui l’ultima notizia di mercato), Tottenham e Inter si sarebbero fatte avanti ma per il momento di concreto c’è ben poco. Il Papero da parte sua è stato in silenzio, ha accettato le critiche e ha continuato a lavorare e ad allenarsi. Il silenzio è stato rotto non da una dichiarazione ma da un gol dell’ex rossonero. Ieri sera infatti Pato ha segnato un rigore al ’90 che ha permesso al Corinthians di battere la Fluminense e ha esultato in modo polemico verso i suoi tifosi, si è tolto la maglia e poi ha messo la mano davanti all’orecchio in segno di sfida.

La protesta è continuata sui social network, l’ex rossonero infatti sul suo profilo Instagram ha infatti riportato una famosa rase di Michael Jordan: “Nella mia vita ho sbagliato più di novemilia tiri, ho perso quasi trecento partite, ventisei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto”. Come a dire, io sono il più forte, continuate pure a fischiarmi io vado avanti per la mia strada. Chissà se questo basterà a far scoppiare la pace tra Pato e i supporters carioca. Per saperlo basta attendere la prossima puntata di questa telenovela brasiliana…

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy