SM RELIVE/ Dalle speranze di gennaio alla dura realtá di giugno: il declino di mister Inzaghi

inzaghi 4 derby (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gennaio 2015 sembrava poter essere il mese della svolta rossonera. Dopo un ottimo dicembre, era arrivata anche la vittoria contro il Real Madrid a Dubai. Inzaghi ha finalmente trovato la formula? Solo fantasie. Il nuovo anno porta con sè tanti bocconi amari per Superpippo che resta al comando fino a fine stagione solo per mancanza di alternative. Sono mesi difficili, nei quali l’ex numero 9 capisce di avere le ore contate sulla panchina rossonera. Una via crucis domenica dopo domenica, risultato dopo risultato.

LA CRONISTORIA

18 gennaio: Milan senza testa, Inzaghi rosso. L’Atalanta sbanca San Siro, 0 a 1

28 febbraio: https://www.spaziomilan.it/2015/02/gasport-berlusconi-chiama-inzaghi-lincitamento-ormai-e-una-prassi/?preview_id=274821&preview_nonce=f0ff015b53&preview=true

26 marzo: Panchina Milan: Mihajlovic supera Sarri, ma intanto… va a trovarlo

26 aprile: Clamoroso Inzaghi, urla “indegni” alla squadra. Ma qualcuno gli risponde: “Tu non sei all’altezza”. Berlusconi voleva esonerarlo

27 aprile: Ognuno è sotto esame: Inzaghi non vuole più giocatori “indegni”

18 maggio: Berlusconi su Inzaghi: “Abbiamo avuto visioni diverse, ne parleremo al momento giusto”

29 maggio: Inzaghi sul campionato: “Abbiamo ottenuto meno di quello che pensavamo. Sulla miglior partita…”

16  giugno: UFFICIALE/ Inzaghi esonerato

3 giugno: Berlusconi: “Inzaghi? Con lui siamo stati generosi e di classe”

16 giugno: Inzaghi: “Ringrazio Milan e Curva Sud, ma sono deluso perché l’anno prossimo avrei fatto di più. Urlerò sempre per questi colori”