Rassegna Milan - Si torna a fare sul serio: Giampaolo riparte dai vecchi. A Udine già competitivi

Rassegna Milan – Si torna a fare sul serio: Giampaolo riparte dai vecchi. A Udine già competitivi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Piatek Milan

È il giorno della prima di campionato per il nuovo Milan di Marco Giampaolo. Il tecnico ha parlato ieri in conferenza e alcuni dei suoi temi sono inevitabilmente diventati pasto dei principali quotidiani sportivi italiani: dal nuovo rigorista Piatek alla scelta del regista, fino alla battuta su Correa.

La Gazzetta dello Sport sottolinea come saranno in particolare tre i giocatori con gli occhi puntati addosso oggi in casa Milan. Il primo è naturalmente Suso, alla prima vera della sua nuova vita da trequartista. Poi c’è Calhanoglu, preferito a Bennacer e piazzato in mezzo al centrocampo rossonero. Infine Castillejo, punta esterna come Suso, ma anche lui in una nuova posizione, quella di seconda punta.

A Udine il Milan si presenta, dunque, con nessun nuovo acquisto dal primo minuto. Giampaolo, evidenzia il Corriere della Sera, fa pieno affidamento sulla vecchia guardia. Il Diavolo ad oggi è ancora un cantiere aperto, ma il tecnico ex Sampdoria non ha fatto drammi ieri in conferenza stampa.

Sul Corriere dello Sport si parla di campo, ma anche di mercato. E allora il tema caldo è sempre Angel Correa. Da domani ripartirà il tormentone: è previsto un altro blitz di Boban a Madrid. Eppure la trattativa resta complicata e probabilmente non si sono aperti nuovi spiragli incoraggianti per il Milan.

Alla vigilia di Udine, poi, ha parlato anche Zvonimir Boban, al Corriere della Sera e alla Gazzetta. QUI tutte le sue dichiarazioni.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy