Addio a un 2012 altalenante, con più ombre che luci