Dal migliore El Shaarawy, al peggiore Prince: il 2012 dell'attacco