Il problema non è la Juve, ma prima e dopo