Storia rossonera, 5 giugno: l'ultima di Schiaffino