Gabriel, secondo di qualità. Ma il caso Diego Lopez è sempre più spinoso