Stanchezza e prevedibilità, a Firenze Suso non punge