Il rumore dei nemici e la classe di Fassone. Il Milan ne esce ancora a testa altissima