#14 - Roma, 7 maggio: qui si fa la storia

#14 – Roma, 7 maggio: qui si fa la storia


Al Milan capolista basta un punto solo per sigillare lo scudetto numero 18 e raggiungere i cugini nella classifica generale (anche se l’Inter ha beneficiato di uno scudetto completamente regalato a tavolino). Di fronte la Roma, in piena fase di metamorfosi, per l’arrivo della dirigenza americana, che darà una svolta all’intero assetto della società. A partire forse da Vincenzo Montella, non sicuro di poter restare a guidare i giallorossi. Rientra Ibra, dopo aver giocato solo una partita (peraltro neanche tutta) sulle ultime 6, causa squalifiche. La sua rabbia l’arma in più. La Roma deve vincere, perché non può permettersi di perdere contatto con le posizioni che portano in Europa League.

La partita è moderatamente emozionante, moderatamente combattuta, moderatamente densa di occasioni. Forse il futuro è già scritto. La Roma fa una partita da 5 e mezzo, Abbiati e la difesa milanista ribadiscono una volta di più che, se sarà scudetto, tanto merito va proprio a tutti loro: Alessandro, Thiago, Ignazio, Luca, Gianluca, Mario, e ovviamente Christian. 95 minuti, fischio finale, 0-0. È estasi: il Milan è campione d’Italia per 18^ volta. Non accadeva dal 2 maggio 2004, e anche in quell’occasione il Milan affrontava la Roma (1-0 a San Siro).

Dall’Urbe all’orbe: tutto il mondo rossonero si scatena, riversandosi nelle vie e piazze di tutto lo stivale. Esplode la gioia, perché vincere un campionato è sempre un’emozione speciale, perché strapparlo all’Inter campione in carica per 4 anni è una sensazione inedita e goduriosa, perché tornare a vincere dopo 3 anni e mezzo (Coppa del Mondo per Club, dicembre 2007) riaccende il sacro fuoco della vittoria, spento da anni di insuccessi e zero titoli. Quel sacro fuoco che fa urlare ancora una volta e una volta di più che “siamo noi, i campioni siamo noi”. Il club più titolato al mondo riprende possesso del suo paese natio, stravincendo un campionato lungo e difficile, mandando KO il “genio” Leonardo e il “piagnone” Mazzarri, e riscrivendo la storia, che soli 10 mesi prima vedeva un Milan rabberciato rinforzarsi di pochi e onesti uomini (Amelia, Papastathopoulos e Yepes).

E ora il futuro: martedì il ritorno di Coppa a Palermo; sabato 6 agosto, a Pechino, finale di Supercoppa. Comincia una nuova storia. Ad Allegri la penna per scriverla, a Ibra, Pato, Binho, Van Bommel, Ambro, Gattuso, Nesta, Thiago, Christian e gli altri il compito di combattere le avversità future, perché la storia immaginata da mister Max si avveri, imprimendo al corso degli eventi il marchio vincente che caratterizza da sempre la società di via Turati e i suoi tifosi.

[media id=35 width=450 height=340]


di Matteo Tamburini

 




Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl