L'evitabile epitaffio sullo stadio