Mal di "Grandi": il Milan 2.0 bello solo con le piccole