Sei qui: Home » News » Urby: da brutto anatroccolo a cigno

Urby: da brutto anatroccolo a cigno

Chi se lo sarebbe mai aspettato! Fino a poche settimane fa, la stragrande maggioranza del popolo milanista aveva in testa una domanda: ma perchè Emanuelson viene utilizzato tanto? Perchè godrà della fiducia incondizionata di Allegri? Siamo sinceri: tutti o quasi eravano diffidenti e convinti che non soltanto questo continuo impiego dell’olandese non avrebbe portato da nessuna parte, ma anzi si sarebbe rivelato deleterio per le sorti del nostro Diavolo.

Poi capita quello che non ti aspetti.  Certo, un po’ ci speri sempre, ma i miracoli non sono cose di questo mondo, giusto? E invece a quanto pare sì: nelle ultime uscite il centrocampista olandese è apparso un altro giocatore, sotto tutti i punti di vista: più deciso,  più consapevole da un punto di vista tattico, più amalgamato ai compagni, più fiducioso nei propri mezzi.

LEGGI ANCHE:  Costacurta: "Al Milan non sono deficienti, succederà con Maldini"

A coronamento di quanto detto, ieri a Parma è arrivata una rete da capogiro: uno di quei goal che puoi fare soltanto se sei un grande giocatore, uno di quei goal che ti fanno entrare subito nel cuore della tifoseria. Gongola l’olandese, che nei giorni scorsi si è detto più che mai determinato a dimostrare il suo valore, e gongola Allegri, che più di tutti ha creduto in lui. E gongoliamo noi, che ci ritroviamo in casa una risorsa importantissima in questa volata scudetto quanto mai piena di insidie. Urby: inaspettato, ma bello.