Una Roma da non sottovalutare: Milan, ricordi la gara d’andata?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Roma - MilanPoco meno di quarantotto ore e il Milan “servirà” il primo match point per portare a Milanello la qualificazione alla prossima Champions League, traguardo che fino a qualche mese fa appariva a dir poco proibitivo. Dall’altro lato della rete, giusto per rimanere nel gergo tennistico, c’è la Roma di Aurelio Andreazzoli, il cui campionato è stato caratterizzato da un numero impressionante di alti e bassi (l’ultimo la sconfitta interna di martedì contro il Chievo) e che potrebbe dare un senso positivo alla stagione solo vincendo la finale di Coppa Italia nell’inedito derby contro la Lazio.

Questa situazione, però, non autorizza minimamente la compagine rossonera ad abbassare la guardia perchè la rosa giallorossa è temibile come poche altre in questo campionato. Calciatori come Totti, De Rossi, Lamela, Destro, Pjanic, Osvaldo (a cui si aggiungono giovani interessanti come Marquinhos e Florenzi) sarebbero, infatti, titolari in tutte le squadre della Serie A e solo questo obbliga a stare sul “chi va là”. Come se non bastasse, la Roma è l’unica squadra, insieme alla Juve, ad aver battuto i meneghini da sei mesi a questa parte e proprio la gara prenatalizia d’andata dell’Olimpico interruppe, bruscamente ma per fortuna solo temporaneamente, la rimonta dei ragazzi di Allegri. Era ancora la Roma di Zeman, quella del calcio ultra-offensivo, che infatti portò ben quattro volte a gonfiare la rete di Marco Amelia, col Milan che si sveglio troppo tardi siglando con Pazzini e Bojan due gol negli ultimi tre minuti di gara. Domenica sulla panchina giallorossa non siederà più il tecnico nativo di Praga, ma Aurelio Andreazzoli, un totem dalle parti di Trigoria, una sorta di “Mauro Tassotti alla romana”, data la sua esperienza quasi decennale con il club ora di Pallotta, il quale ha dato maggiore quadratura ad una squadra in precedenza eccessivamente sbilanciata in avanti, senza però riuscire a farle fare un corposo e definitivo salto di qualità in classifica.

La sfida dell’andata, dunque, merita la maggiore considerazione possibile da parte di Allegri e di tutti i suoi ragazzi, che in quell’occasione patirono la sconfitta più pesante dell’intero campionato e dunque devono usare quel precedente come monito per non ripetere gli errori della sfida nella Capitale. La Champions chiama, San Siro sarà pieno, non si può fallire.