Sei qui: Home » Copertina » Abate titolare in Nazionale: da Milanello incrociano le dita dopo l’ultima “sfortunata” occasione

Abate titolare in Nazionale: da Milanello incrociano le dita dopo l’ultima “sfortunata” occasione

abate milan-cagliari (spaziomilan)Stasera la Nazionale Italiana giocherà contro l’Armenia l’ultima partita del girone di qualificazione per i Mondiali in Brasile. Già staccato il biglietto per Rio gli azzurri devono vincere per entrare nella prima fascia ed evitare così brutte sorprese nei gironi brasiliani. Il milanista più discusso e più chiacchierato in questi giorni è ovviamente Mario Balotelli che dopo l’episodio della telecamera e i problemi fisici dovrebbe partire dalla panchina.

Ma da Milanello seguiranno con attenzione anche la partita di un altro rossonero, Ignazio Abate, che Prandelli dovrebbe schierare titolare dopo la presenza di De Silvestri contro la Danimarca. Senza l’infortunato Maggio, il laterale milanista rappresenta la soluzione di maggiore affidabilità per il C.T. che lo ha quasi sempre convocato. Il 6 settembre scorso, a Palermo contro la Bulgaria, Abate si infortunò e dovette saltare quasi due settimane di campionato, aumentando l’emergenza rossonera. Ecco perché Allegri e lo staff milanista faranno gli scongiuri. La difesa del Diavolo è ancora ridotta all’osso, sia centralmente con la squalifica di Mexes e le defezioni di Bonera e Silvestre, sia sulle fasce dove De Sciglio non ha ancora recuperato del tutto dall’operazione al ginocchio.

LEGGI ANCHE:  Marino, DS Udinese: "Milan alla prima giornata? Mi preoccupa di più un'altra partita!"

A destra Abate resta una certezza in questo Milan che a livello di terzini destri non ha vere e proprie alternative all’ex Torino, se si escludono gli ‘adattati’ Bonera e Zaccardo. Nonostante qualche errore in chiusura, vedere ad esempio il gol di Laxalt a Bologna o quello di Britos del Napoli, Abate rimane un punto fermo di questa squadra, un giocatore importantissima per la grande spinta che riesce a dare in attacco anche se deve migliorare ancora molto sui cross. Stasera darà tutto per la maglia azzurra, con la speranza che non si ripeta come l’ultima volta, perché un Milan in queste condizione ha bisogno del suo numero 20!