sità inzaghi- Sità sponsorizza Inzaghi: "Merita la panchina del Milan"

Sità (ex allenatore primavera Milan): “Inzaghi ha grande voglia, merita di allenare il Milan”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Francesco Sità, ex allenatore in seconda della primavera del Milan ai tempi di Giovanni Stroppa, ha rilasciato un’intervista in esclusiva a Calciomercato.com. Ecco le sue dichiarazioni, per certi versi davvero interessanti:

Sui tanti giovani di qualità allenati al Milan, e la possibilità di approdo in prima squadra: “Ho avuto la fortuna di allenare tanti giovani dotati di qualità eccellenti: Verdi, ora all’Empoli, ha un talento indiscusso. Salta l’uomo con il primo controllo, ha fiuto del gol. Bertoni, ha capacità tecniche incredibili. Poi non posso fare a meno di citare Calvano e Fossati, sicuro che negli anni a venire potranno diventare qualcuno. Beretta e Zigoni, ora al Lecce, hanno ancora tutto il tempo di dire la loro, bisogna saperli aspettare: se si ha il coraggio sono certo possano ancora avere un percorso importante. Per quanto riguarda i portieri ho avuto il piacere di conoscere Donnarumma: non l’ho allenato direttamente, ma posso assicurarvi che si tratta di un numero uno vero, affidabile, ha una grande prestanza fisica e va aspettato. Poi c’è Albertazzi e come lui tanti altri”.

Su Inzaghi, allenato ai tempi della primavera: “Inzaghi l’ho allenato in 3, 4 occasioni quando stava recuperando dal suo infortunio al ginocchio. Ciò che maggiormente lo contraddistingueva erano la voglia e la foga che impiegava nel lavorare: chiedeva con grande spirito di essere allenato. Devo ammettere che dopo un allenamento mi aveva confidato la sua volontà di fare l’allenatore: era molto legato al campo e gli interessava intraprendere questo percorso. Credo che per quello che sta facendo nel settore giovanile del Milan si sia guadagnato la stima della società: ritengo possa tranquillamente essere in grado di allenare la prima squadra e se gli venisse concessa questa opportunità sarebbe più che giusto”.

Sul futuro della panchina del Milan, e i possibili innesti di gennaio: “Posso dire che per Pippo Inzaghi, questo in corso, è già il secondo anno in panchina; Seedorf invece deve ancora intraprendere questo mestiere: si tratta di una differenza oggettiva, il vantaggio di Pippo al momento è questo. I rossoneri, visto il momento che stanno attraversando, hanno bisogno di qualche giocatore rodato e credo che stiano già operando in tal senso: l’acquisto di un elemento come Rami ne è la dimostrazione e sono certo potrà dare il suo contributo. In difesa però c’è ancora una situazione di emergenza e ritengo che sia quello il reparto che necessiti di ulteriori rinforzi: ci vorrebbe un giocatore da Milan. Vedrei bene Astori del Cagliari: non ho avuto la possibilità di allenarlo ma il difensore del Cagliari è reduce da un percorso di crescita notevole e sono certo che, qualora fosse preso in considerazione, potrebbe ben figurare“.

Su Mattia De Sciglio, notato fin da piccolissimo dallo stesso Sità: “De Sciglio non l’ho scoperto io, diciamo che aveva già da bambino delle indubbie qualità e notare il suo talento è stato molto facile. Era il 2000 quando si è presentato alla scuola calcio estiva di Cimiano: sin da subito ha messo in mostra le sue qualità. Dopo appena un anno è andato al Milan. E’ un ragazzo speciale, ha un cuore d’oro e può migliorare ancora tanto. Può diventare la bandiera dei rossoneri“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy