Fondazione Milan, Giorgianni: “De Sciglio prototipo del bambino diventato calciatore”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Circa venti giorni fa intervistavamo in esclusiva Rocco Giorgianni, Nuovo Segretario Generale di Fondazione Milan dallo scorso marzo, già Fund Raising e Project Manager, per presentare il nuovo progetto 2014: ogni rossonero potrà finanziarlo attraverso la donazione del proprio 5×1000. Di seguito i concetti più significativi dell’intervista:

Sull’importanza dei giocatori come testimonial:È una cosa banale ma se certe cose le chiedono i calciatori, non è uguale se le dico io. Noi abbiamo una responsabilità grande, a partire da come ci comportiamo con i ragazzi del settore giovanile, fin dai più piccoli. Chi partecipa al nostro programma sa che noi creeremo anche un rapporto solido con le famiglie: l’importante è recuperare questi giovani, che poi diventino calciatori è un fattore secondario: l’educatore ha l’obiettivo di cercare di rimettere in moto il desiderio di fare.“.

Sui giocatori scelti come testimonial:De Sciglio è espressione del percorso del settore giovanile che ha fatto tutta la trafila, quindi è il prototipo del bambino diventato calciatore. Kakà è il nostro riferimento perché lo è sempre stato anche prima di lasciare il Milan, mentre El Shaarawy ha una grande seguito tra i ragazzi ma anche tra gli adulti. E ovviamente il target per il 5×1000 non è quello dei ragazzi, ma di chi fa la dichiarazione dei redditi. L’obbiettivo degli spot è quello di raccontare Fondazione Milan, chi siamo e che cosa facciamo“.