ronaldinho querètaro - Nuova avventura per il Gaucho

Ronaldinho ha trovato squadra: giocherà per i messicani del Querètaro!


Ronaldinho ha trovato la sua nuova squadra: nella prossima stagione giocherà nel Querètaro, club Messicano. L’ex stella di Barcellona e Milan ha passato l’estate in cerca dell’ultimo contratto della sua carriera dopo la fine del suo rapporto con l’Atletico Miniero dove ha militato per due stagioni, con 48 presenze condite da 16 reti.

L’accordo con il club messicano è arrivato a poche ore dalla chiusura del mercato locale. Contratto biennale a due milioni di dollari l’anno. In questo momento il club naviga a metà classifica del campionato di apertura e nella sua storia vanta più scandali (rapporti tra ex presidenti e narco trafficanti e cambi di proprietà e di nome per evitare la retrocessione) che trofei ma Dinho non sembra troppo preoccupato. Dal suo profilo twitter ha confermato il buon esito della trattativa: “Ho scelto il Messico per l’affetto che ho sempre ricevuto. Non vedo l’ora di giocare per il Querétaro”.

Dopo aver fatto impazzire e divertire il Brasile e mezza Europa, tifosi rossoneri compresi, con le sue giocate da fenomeno ora Ronaldinho si trasferisce in Messico per esportare un po’ del suo talento anche nel centroamerica. Buona fortuna Gaucho!

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy