Stadio Milan: per Barbara Berlusconi viaggio in Medio Oriente

Stadio e soci, è pronto il nuovo volo in Medio Oriente di Barbara

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Un nuovo stadio di proprietà, dopo la nuova sede Casa Milan, è stata e rimane la priorità del commercio rossonero, spiegata e ribadita a parole, pubblicamente, da Barbara Berlusconi. Le intenzioni ci sono, garanzie di successo in prospettiva e margini di manovra anche, denaro meno.

L’AD, quando sarà a colloquio con Erick Thohir (arrivato a Milano), metterà a conoscenza il magnate indonesiano delle proprie ferme intenzioni. Ma il primo punto da dibattere e risolvere si chiama San Siro. Nello specifico, la ristrutturazione dell’impianto in vista della finale di Champions 2016: miglioramento dei servizi, risagomatura del primo anello e abbattitura delle barriere interne sono solo alcune delle modifiche previste. Ma è il dopo 2016 a “scottare” di più: l’Inter preferisce restare al “Meazza” studiando un’opera più snella, moderna ed accogliente, il Milan spinge per lasciare lo stadio di sempre. La ricerca della zona più adatta è costantemente in corso, frequenti i contatti con le istituzioni meneghine per individuare la zona più adatta e meno dispendiosa del comune: dall’area Expo alla zona di Baggio.

I lavori sono in corso, e presto sono attese novità. In questo senso, scrive Il Giorno, Barbara Berlusconi ha in programma un nuovo viaggio in Medio Oriente (già vissuto nello scorso aprile). Valigie in mano e volo verso uno o più soci di minoranza disposti ad acquisire il 30% delle quote del club di via Aldo Rossi 8, finanziando l’intero progetto. Le speranze non mancano, i profili interessati al momento sì.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy