Torino: Quaglia (forse) geniale e mediana ben organizzata, ma sulle fasce…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Partita ostica per il Milan che, questa sera, farà visita al Torino di Giampiero Ventura. I granata sono una squadra insidiosa ed equilibrata che, tra le mura amiche, vanta un ottimo score e che al momento occupa la quinta posizione della classifica. I piemontesi, inoltre, scenderanno in campo con la voglia di vendicare il passo falso compiuto in occasione dell’ultimo turno di Serie A, quando vennero sconfitti dalla matricola Carpi. Insomma, per i rossoneri, si prospetta una partita difficile. Il Torino, che si disporrà in campo con un 3-5-2 ordinato e pragmatico, ha tutte le carte in regola per regalare ai propri tifosi una prestazione convincente.

Punti di forza: Kamil Glik; la mediana; la coppia d’attacco.
La solidità del Torino trova le proprie radici in un centrocampo forte e organizzato, composto da un costruttore di gioco di discreto livello e (specie se dovesse scendere in campo Andrea Benassi) da due interditori abili in entrambe le fasi, dinamici, in possesso di una buona tecnica, bravi a recuperare palloni e a inserirsi con regolarità ed efficacia, e in un difensore centrale come Kamil Glik, che sa guidare l’intero reparto e che dispone di forza fisica, carisma, senso dell’anticipo e stacco di testa. Al resto, ci pensano poi le due punte, Maxi Lopez e Fabio Quagliarella. Questi ultimi si completano a vicenda e rappresentano un tandem offensivo di tutto rispetto. Mentre l’argentino è un centravanti in grado anche di tenere palla e di fare salire la squadra, la seconda punta campana dispone di qualità balistiche, estro e fantasia e sa rendersi pericolosa in qualsiasi circostanza.

Punti deboli: gli esterni di centrocampo; Cesare Bovo.
Sulle corsie laterali, in particolar modo in fase difensiva, i granata palesano numerosi problemi. Davide Zappacosta è un esterno destro che ama spingere e proiettarsi in avanti, ma che non sempre incide a dovere e che fatica un po’ troppo in fase di copertura, tanto da lasciare a volte sguarnita la corsia di competenza e da essere superato dai dirimpettai con un po’ troppa facilità. Discorso simile vale per Cristian Molinaro che, nonostante disponga di esperienza e senso del gioco, non si esprime al meglio con regolarità e potrebbe faticare in entrambe le fasi. Infine, il regista difensivo, Cesare Bovo, in determinate situazioni, non risulta puntuale ed efficace, incappa in amnesie evitabili e, con la sfera tra i piedi, è solito correre un po’ troppi rischi: qualora sbagliasse qualche disimpegno o non fosse puntuale in alcune chiusure, il Torino potrebbe concedere qualche occasione.

Giocatore chiave: Fabio Quagliarella.
Dal momento che Andrea Benassi potrebbe non trovarsi in uno stato di forma ottimale, a oggi, dovrebbe essere Fabio Quagliarella il granata più pericoloso. Dotato di inventiva, qualità balistiche, rapidità di pensiero, classe e personalità, la seconda punta ex Juventus e Napoli, che sa rendersi pericolosa anche in area e che sa sfruttare al meglio le seconde palle a propria disposizione, potrebbe costituire l’arma in più a disposizione di Ventura.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook