Osservatori a San Siro per Bacca. Kovacic e Witsel i sogni a centrocampo. E Ibra…

Meno di tre mesi all’apertura ufficiale del calciomercato, ma per il Milan è già tempo di pensare alla prossima stagione.

Difesa: si segue sempre Emmanuel Mammana, giovane difensore del River Plate che i rossoneri vorrebbero prelevare dagli argentini insieme a Vangioni, anche per favorirne l’inserimento. Piace anche Caceres, ma l’uruguaiano, su indicazione del suo agente Fonseca, sembra essersi promesso alla Roma o al Napoli. In uscita da segnalare l’addio ormai certo di Philippe Mexes che a Giugno lascerà il Milan dopo 4 anni fra alti e bassi. Alex vorrebbe tornare in Brasile, le offerte non gli mancano, ma dalle parti di Via Aldo Rossi sperano di trattenerlo per un altro anno come Zapata, a cui però dovrebbe essere proposto un biennale. Donnarumma-Abbiati, con quest’ultimo che potrebbe rinnovare per un altro anno, dovrebbe essere la coppia di primo e secondo anche per la prossima stagione. Divorzio inevitabile con Diego Lopez, lo spagnolo piace tanto a Deportivo La Coruna e Celta Vigo.

Centrocampo: Il primo obiettivo in vista della prossima stagione rimane sempre Alex Witsel. I rossoneri partono in pole position. Da segnalare la concorrenza della Roma che vorrebbe sostituire Nainggolan, in orbita Chelsea, proprio con il compagno di Nazionale. E poi occhio alle situazioni di Biglia, in rotta con la Lazio e Kovacic che potrebbe tornare a Milano sponda rossonera, grazie ad un prestito identico a quello di Morata, ovvero con il diritto di ricompra a favore del club di Florentino Perez che sarebbe pronto a favorire l’amico Galliani. In uscita poco movimento: Andrea Poli potrebbe salutare a fine anno, ma molto dipenderà dalla sua volontà. Bertolacci, salvo sorprese, rimarrà. Nessuna offerta, e nessun interesse da registrare, per il momento, per l’ex giocatore del Genoa. Honda e Bonaventura aspettano il rinnovo. Boateng si congederà a fine campionato, la sua avventura con il Milan è da considerarsi definitivamente chiusa. Sarà addio anche per Josè Mauri, in prestito o a titolo definitivo, qualora si dovesse andare incontro ad una definitiva rottura.

Kovacic

Attacco: E’ il reparto che muterà maggiormente, anche per via delle uscite. Se dalla Cina torneranno a farsi vivi Luiz Adriano e Menez andranno via. Per il francese non è da escludere neanche un ritorno in patria con Monaco e Marsiglia che ci potrebbero pensare seriamente. Mario Balotelli, invece, aspetta ancora sentenza: saranno decisive le ultime sette partite, finale di Coppa Italia inclusa, per dimostrare di meritare la permanenza. Il Liverpool, resosi conto delle poche offerte che arriveranno qualora Super Mario dovesse tornare in Inghilterra, ha già aperto al rinnovo del prestito gratuito per un altro anno. E poi, Carlos Bacca: una sua permanenza non è più scontata. A San Siro, in occasione del posticipo di ieri sera, erano presenti nuovamente gli osservatori del Bayern Monaco, club che il prossimo anno sarà allenato da Carlo Ancelotti, che aveva già caldamente consigliato il colombiano all’ex presidente Perez. Se arriverà un’offerta intorno ai 35/40 milioni per un giocatore che a Luglio avrà già spento le 30 candeline allora il Milan lo lascerà partire, anche perché Carlos spinge per giocare la sua prima Champions League. Più scontato invece il futuro di Niang, sebbene il Borussia Dortmund e il Leicester siano in pressing sul francese, il Milan non vorrebbe farlo partire. E in entrata? Tutto tace: soprattutto sul fronte Zlatan Ibrahimovic. Ma le parole di Raiola: “Sarà una scelta speciale” e il cambio di strategia dell’asse Berlusconi-Galliani che, a differenza dell’anno scorso, hanno deciso di non esporsi, potrebbe fare la differenza. Alessandro Matri, di ritorno dalla Capitale, invece, salvo offerte redditizie, dovrebbe sostituire Luiz Adriano.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy