Coppa Italia, Milan: ecco perché devi crederci