Donnarumma: Milan o Nazionale, le gerarchie non cambiano