Il loop infernale delle parole di fine anno. Cambiano le priorità ma non le dichiarazioni