CdS – L’AIC poco disposta a concedere il taglio di stipendi, le società vorrebbero ridurre gli ingaggi

CdS – L’AIC poco disposta a concedere il taglio di stipendi, le società vorrebbero ridurre gli ingaggi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Con una pandemia in corso, anche il calcio sta subendo la crisi economica che attanaglia l’Italia, e per legge anche i calciatori, da considerare come normali lavoratori, vanno retribuiti. Il Corriere dello Sport riporta come sui bilanci delle squadre gli ingaggi dei calciatori siano la fetta più grande, e come le squadre stiano chiedendo tutele per non finire nei guai.

Ieri, il Consiglio dei ministri ha deciso per la sospensione dei versamenti (di ritenute, contributi previdenziali e assistenziali) fino al 31 maggio 2020, anche per le squadre di questa Serie A. I numeri totali degli stipendi annui dei calciatori sfiorano il miliardo e 360 milioni di euro, record storico in Serie A, con la sola Juventus che ne spende 300. Ora i club stanno valutando se tagliare o ridurre i pagamenti previsti per il periodo di inattività o se concedere le ferie, una mossa che conterebbe un totale di 230 milioni di stipendi totali netti da salvare.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy