Brahim Diaz a DAZN: “Ibra come Benjamin Button. Con lui faccio spesso una cosa”

Brahim Diaz è stato protagonista del nuovo episodio della rubrica “1vs1” di DAZN ed ha parlato di vari argomenti toccando anche quello dell’importanza di vestire la maglia numero 10 del Milan e di qualche suo compagno. Le sue parole:

Sul piede preferito: “Gioco bene con entrambi, preferisco il sinistro quando porto palla mentre il destro quando calcio. Se dovessi scegliere ti direi destro proprio perchè lo uso per calciare ma ho sempre usato entrambi i piedi”

Sulla maglia numero 10: “Mi piace avere responsabilità. Credo di essere un ragazzo con personalità quindi non mi interessa la pressione del numero. Gioco come ho sempre fatto”

Sui punti da migliorare: “Devo migliorare il tiro da fuori area. Dopo gli allenamenti mi fermo quasi sempre a calciare e provo a sfidare addirittura Ibra”

Brahim Díaz, Milan, convocazione
brahim, acmilan, intervista

Su Ibra: “Ha l’età di mio padre, è come Benjamin Button. Può giocare ancora per tanti anni e, nono stante l’età, continua a fare la differenza. Mi consiglia sempre di fare ciò che so fare, mi dice che ho un grande talento e che devo aiutare la squadra”

Su Theo: “Siamo amici come con Castillejo. Facciamo tante cose fuori dal campo: vado a casa sua, perchè è bravo a cucinare, o lui a casa mia”

Sullo stadio più bello in cui ha giocato: “Wembley”

LEGGI ANCHE:  Nuova assemblea di Lega: importanti punti all'ordine del giorno

Sulla musica che ascolta: “Flamenco e Reggaeton”

Sul compagno che veste peggio: “Senza dubbio Theo”

Sugli altri sport che lo appassionano: “Non seguo altri sport, solo calcio”

Sul difensore che gli piacrebbe sfidare: “Direi Sergio Ramos, è stato anche mio compagno. Mi sono allenato spesso con lui, so come gli piace giocare: Difensore straordinario”

Sul compagno più divertente: “Castillejo”

Sulla partita più bella della sua carriera: “Non riesco a scegliere, per me sono tutte belle le partite che gioco”

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy