Nuovo stadio, Cardinale atteso a Milano: c’è la data sulla decisione

Oltre alle vicende di campo, in casa Milan, a tener banco è ancora la questione stadio. Con il naufragio del progetto de “La Cattedrale”, la dirigenza rossonera si è messa al lavoro per trovare nuove soluzioni per la costruzione dell’impianto che ospiterà il Milan.

Gerry Cardinale, fondatore di RedBird, si è mosso in prima persona per provare ad accorciare i tempi e consegnare al club rossonero un nuovo stadio.

Nelle ultime ore sono emerse importanti novità proprio riguardo il nuovo stadio. Stando a quanto riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, Cardinale è atteso in città nei prossimi giorni. La sua priorità è ovviamente lo stadio e punta ad arrivare ad una decisione entro aprile.

Stadio Milan
Milan stadio Cardinale

Nelle ultime settimane, il club ha studiato diversi progetti come quello in area La Maura oppure l’area ex Falck a Sesto San Giovanni.

Di seguito quanto evidenziato:

“Nelle ultime settimane il club ha studiato soprattutto l’area di La Maura, a un chilometro da San Siro: è l’ultima arrivata sul tavolo della proprietà e la più interessante, essendo in città, all’interno del Comune di Milano. Le problematiche, certo, non mancano, a cominciare dalle proteste – forti e immediate – a tema ambientalista. L’area ex Falck di Sesto San Giovanni, l’alternativa più logica, invece è al centro di una battaglia multimilionaria tra Hines, attuale proprietaria, e Intesa, la banca che guida il gruppo dei finanziatori. Il Milan a Sesto è benvenuto ma la questione sulla proprietà dell’area va risolta prima di arrivare a un accordo. E allora, restano in corsa le ipotesi San Donato e Assago-Rozzano, con l’area di proprietà della famiglia Cabassi considerata anche dall’Inter. Partita aperta e rapida, che Cardinale, dopo l’incontro con il sindaco Sala del primo marzo, sta conducendo in prima persona”.

Si attendono, dunque, ulteriori novità nei prossimi 10 giorni con una decisione definitiva che potrebbe arrivare a breve.