Dal Chelsea al Chelsea: ecco perché occorre essere ottimisti