Quando l'arbitro diventa (sbagliando) il capro espiatorio