Il “sambodromo” chiude i battenti: un pezzo di storia che ci lascia