Dopo gli svedesi, gli olandesi e i brasiliani: ora è la volta dei francesi