Jeremy e Jack, gli indispensabili Milan