Tanti nomi per l’attacco: una distrazione per l’unico vero obiettivo?