La "malattia" Milan tra pericolosa rassegnazione e dati impietosi