Da Torino a Torino: modulo e uomini non cambiano (quasi) più