Prima le cessioni, ma sono ferme (e povere). Fellaini si allontana